Fammi venire bene, mi raccomando


frasi-da-non-dire-al-fotografo-picame-8Molte volte il fotografo si trova di fronte ad una richiesta del tipo “Fammi venire bene, mi raccomando”. Allora la prima cosa da tenere in considerazione è che stiamo per realizzare uno scatto che sarà poi sviluppato (chimicamente o digitalmente, a seconda che si tratti di una foto proveniente da mezzo tradizionale o digitale) e diventerà quindi una fotografia; pertanto, il fotografo non è un dispensatore di miracoli… Si, questo è da tenere bene a mente, poiché spesso questa richiesta viene fatta da persone che “non si piacciono” e quindi pensano che, grazie all’uso “eccessivo ed errato” di strumenti di fotoritocco (es. Adobe Photoshop) si possa realizzare il miracolo e far sparire quindi i chili di troppo, una brutta espressione e tanto altro.
Bene, con questo non voglio dire che non sia possibile “sistemare” qualcosa in post-produzione in modo consapevole, bensì che è fondamentale ricordare sempre che, come dico ogni volta che realizzo uno shooting, le fotografie si fanno in due (minimo), cioè il fotografo ed il soggetto fotografato (che possono essere anche più persone). Quindi è necessario prepararsi al meglio per uno scatto, in modo da realizzare un prodotto che ci soddisfi, potendo anche concordare con il fotografo alcuni interventi correttivi che, secondo me, non dovrebbero creare nel soggetto fotografato l’illusione che si procederà ad un intervento chirurgico sul monitor…

(Una riflessione al giorno, con la mia personale interpretazione, sulle simpaticissime cose da non dire ad un fotografo, progetto fotografico di Luca Masini & Andrea Berretta)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *