Gli smartphone non sono macchine fotografiche


smartphone-non-reflex-menzeraGli smartphone non sono macchine fotografiche. Oggi abbiamo la possibilità di avere sempre con noi degli strumenti potentissimi, il cui scopo originario era quello di permetterci di restare in contatto con le persone a noi care, con i colleghi del lavoro, con gli amici…

Con il tempo questi strumenti si sono evoluti sempre di più, permettendoci di catturare delle immagini meravigliose (se viste sugli schermi dei dispositivi che le hanno generate, sul monitor ed in stampe di piccole dimensioni), ma di una qualità lontanamente paragonabile alle stesse immagini riprese da vere e proprie macchine fotografiche. Ci sono state, ed ancora ci saranno, numerose diatribe in merito, spesso perché si fa confusione tra mezzo e risultati. Con questo non intendo affatto dire che sia sbagliato o peggio ancora vietato scattare fotografie con il proprio smartphone, assolutamente!!! Semplicemente mi piacerebbe condurti ad effettuare una corretta valutazione di quale sia il miglior modo per arrivare ad ottenere il risultato sperato. Se nel bel mezzo di una tranquilla passeggiata si dovesse presentare davanti a te una situazione particolare ed avessi desiderio di immortalarla, pur essendo senza macchina fotografica, compatta o reflex, con uno smartphone potrai ottenere il risultato sperato: ricordare domani, e nei giorni a seguire, quel particolare momento. Ma se dovessi partecipare ad un evento del quale vorresti avere un bel ricordo fotografico… bhe, il consiglio è quello di fotografare con una vera macchina fotografica: avrai un’immagine di qualità sicuramente migliore oltre alla possibilità di poter fronteggiare un numero di situazioni sicuramente maggiori! Con una reflex, infatti, potrai regolare una marea di impostazioni (a patto che tu le conosca) per arrivare ad ottenere un’immagine di qualità con il giusto mezzo.

E’ opportuno, però, essere anche a conoscenza del fatto che se siamo in possesso di una reflex, non siamo fotografi migliori, né tanto meno professionisti. Questo perché con tante pentole buone non saremo bravi cuochi, con una Ferrari non saremo piloti, con un pennello ed una tavolozza non saremo pittori, con una penna non saremo scrittori.

Cosa voglio dire? Che non sono gli strumenti a renderci migliori, ma la conoscenza che abbiamo degli stessi, per cui, se non dovessimo avere la giusta preparazione, lasciamo che i momenti importanti ed irripetibili della nostra vita siano immortalati da chi abbia deciso di dedicare alla fotografia anima, cuore… e lavoro!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *